Giuseppe Ungaretti

Giuseppe Ungaretti e l’omosessualità

In Comizi D’amore, film-documentario diretto da Pier Paolo Pasolini nel 1965, spicca l’intervista del poeta friulano a un altro poeta: Giuseppe Ungaretti. Inserita in “Ricerche 2. Schifo o pietà?” l’intervista a Ungaretti verte sulla “normalità” e “anormalità” sessuale, due temi “tabù” in una società italiana conservatrice e omofobia (l’omosessualità sarà finalmente rimossa dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, solo nel 1973). 

Fernanda Pivano intervista Jack Kerouac

“Si è visto subito che l’intervista non sarebbe stata facile. Kerouac ha salutato la dicendole che è una bella ragazza, una grande intellettuale di Milano. Ce l’hanno tutti con te perché sei una bella ragazza, ha detto Kerouac. Ma Fernando Pivano, che oltre a conoscere le opere di questi autori conosce bene le loro abitudini e i loro atteggiamenti, non si è lasciata sconcertare. Non le ha fatto impressione neanche il gran gesticolare di Kerouac, forse molto espressivo ma senz’altro poco conformista”.

La morte di Kurt Cobain (e del grunge)

news-cobain-2La mattina dell’8 aprile 1994, il corpo senza vita di Kurt Cobain ventisettenne fu trovato da Gary Smith, un elettricista della Veca Electric, nella serra presso il garage nella sua casa sul Lago Washington: si era sparato un colpo in testa, lasciando una lettera. Ecco un estratto:

‘ Io non provo più emozioni nell’ascoltare musica e nemmeno nel crearla e nel leggere e nello scrivere da troppi anni ormai. Questo mi fa sentire terribilmente colpevole. Per esempio, quando siamo nel backstage e le luci si spengono e sento il maniacale urlo della folla cominciare, non ha nessun effetto su di me, non è come era per Freddie Mercury, a lui la folla lo inebriava, ne ritraeva energia e io l’ho sempre invidiato per questo, ma per me non è così. Il fatto è che io non posso imbrogliarvi, nessuno di voi.(…) ‘

La morte di Kurt Cobain (e del grunge)

news-cobain-2La mattina dell’8 aprile 1994, il corpo senza vita di Kurt Cobain ventisettenne fu trovato da Gary Smith, un elettricista della Veca Electric, nella serra presso il garage nella sua casa sul Lago Washington: si era sparato un colpo in testa, lasciando una lettera. Ecco un estratto:

‘ Io non provo più emozioni nell’ascoltare musica e nemmeno nel crearla e nel leggere e nello scrivere da troppi anni ormai. Questo mi fa sentire terribilmente colpevole. Per esempio, quando siamo nel backstage e le luci si spengono e sento il maniacale urlo della folla cominciare, non ha nessun effetto su di me, non è come era per Freddie Mercury, a lui la folla lo inebriava, ne ritraeva energia e io l’ho sempre invidiato per questo, ma per me non è così. Il fatto è che io non posso imbrogliarvi, nessuno di voi.(…) ‘

Le origini dei Nirvana

maxresdefaultI Nirvana furono la band grunge che negli anni ’90 ebbe un successo planetario. Kurt Cobain, nato nel 1967 da un taglialegna e una casalinga poi divorziati, crebbe con la tipica disillusione nei confronti della società, che formerà poi il carattere principale della sua intera carriera musicale. Amante del sound secco e graffiato di altri gruppi come i Mudhoney e i Melvins, decise di formare una band tutta sua per “fuggire” dal grigiore della sua vita sociale.

Translate »