Se Lucio Dalla, Ovidio, Cavalcanti e Verlaine cantano la stessa “Canzone”

Approfondimenti

Written by:


Rate this post

Penso di aver ascoltato “Canzone” di Lucio Dalla migliaia di volte, l’ho da subito considerata un’opera d’arte, come molte altre sue canzoni. Ascoltandola così tanto ho finito per impararla a memoria e mi sono accorto che le parole erano senza dubbio .
Un giorno leggevo distrattamente una piccola raccolta di poesie del poeta maledetto Paul Verlaine e, con mio grande stupore, ho letto una poesia che conteneva lo stesso motivo del brano di Dalla. Incuriosito dal mi sono messo alla ricerca di altre opere dove fosse contenuto quell’estremo tentativo del poeta di affidarsi alla sua opera per lanciare un messaggio. Sono riuscito a scovare anche in Ovidio e Guido Cavalcanti, tracce di quel motivo.

Lucio Dalla

Lucio Dalla

Canzone è stata scritta dal grande cantautore Samuele Bersani insieme a Lucio Dalla, risale al 1996. Nel ritornello il cantante si rivolge direttamente alla canzone, alla quale il cantante si affida per cercare la donna amata e dichiararle il suo amore (attenzione all’utilizzo dei termini “Va’” e “Dille”).

Il ritornello in “Canzone” è ripetuto tre volte, ognuna delle quali mostra un elemento nuovo:

(1)
Canzone cercala se puoi
dille che non mi perda mai
va’ per le strade e tra la gente
diglielo veramente

(2)
Canzone cercala se puoi
dille che non mi lasci mai
va’ per le strade e tra la gente
diglielo dolcemente

(3)
Canzone trovala se puoi
dille che l’amo e se lo vuoi
va’ per le strade e tra la gente
diglielo veramente
non può restare indifferente
e se rimane indifferente
non è lei

Guido Cavalcanti

Guido Cavalcanti

Se esaminiamo un componimento di Guido Cavalcanti troviamo lo stesso motivo di “Canzone”, seppur con elementi differenti. Nel 1300 Cavalcanti fu esiliato dalla sua Firenze per motivi politici, finì a Sarzana in Liguria e lì morì senza tornare mai in Toscana.
Cavalcanti si affida al suo testo, in questo caso la ballata, per tornare dove non può e portare un messaggio d’amore alla sua donna. Il poeta esorta la sua poesia ad andare al posto suo. Il senso si  della canzone di Lucio Dalla. Da notare il medesimo utilizzo dei termini “Va’” e “Dille”.

Perch’i’ no spero di tornar giammai,
ballatetta, in Toscana,
va’ tu, leggera e piana,
dritt’ a la donna mia,
che per sua cortesia
ti farà molto onore.

Dal verso 31 al 36

Deh, ballatetta, dille sospirando,
quando le se’ presente:
«Questa vostra servente
vien per istar con voi,
partita da colui
che fu servo d’Amore».

Paul Verlaine

Paul Verlaine

In una poesia di Paul Verlaine contenuta nella raccolta La Bonne Chanson (La canzone buona), pubblicata nel 1870 e dedicata alla moglie Mathilde Mauté De Fleurville, tutti gli elementi sopra esaminati ritornano. La dodicesima poesia della raccolta, composta da quattro quartine, inizia così:

Canzone, ora va’, corrile

incontro, Dille

Che nel mio cuore fedele

Si è acceso un raggio felice,

Verlaine si affida alla Canzone, come Dalla, per portare un messaggio alla sua amata.

Ovidio

Ovidio

Ovidio, nell’opera poetica Tristia, descrive la sua condizione di esiliato nell’anno 8 d.C. Nel primo libro (l’opera è composta da 5 libri) il poeta esorta la sua lettera ad arrivare dalla sua amata Perilla. Il senso è molto simile a quello di Cavalcanti, con il tema dell’esilio e del messaggio che arriva nei luoghi in cui è impossibile essere fisicamente. Anche nel testo di Ovidio spiccano i termini “Va’” e “Dille”.

Va’, lettera tracciata di getto, messaggera fedele
delle mie parole, a salutare Perilla.
O la troverai seduta accanto alla dolce madre
o in mezzo ai libri e fra le sue Pieridi care.
Tralascerà qualsiasi cosa, come saprà che sei giunta
e subito ti chiederà perché vieni e che cosa io faccio.
Le dirai che vivo, ma in un modo che preferirei morire
e che i miei mali non si sono addolciti in così lungo tempo,
e che tuttavia, anche se mi nocquero, ritorno alle Muse
e che compongo in metri alterni parole adatte.
Tu pure, dille, resti fedele alla nostra comune passione
e canti, non secondo il modo paterno, dotti poemi?

CANZONE DI LUCIO DALLA


Rispondi

Translate »