Nuda

poesia

Written by:


Rate this post

Su barche improvvisate

ci siamo fidati del vento,

scaldati da sogni muti

bruciando il nostro tormento.

Da dietro una schiena

un colore ignoto qualcuno ha veduto

e i nostri sguardi voraci 

un nuovo orizzonte han riconosciuto

Dentro una voce come tante

canta, canta più del vecchio mare

e racconta di paesi nuovi

e piange sui ricordi 

e immagina nomi,

ancora da chiamare.

Ma è nella pupilla 

infinita

di una bambina 

che tutta la terra entrerà

nuda

coi segreti già svelati.


Rispondi

Translate »